Portale Trasparenza Comune di Gavardo - NUOVE INTITOLAZIONI E VARIAZIONI TOPONOMASTICHE

Il portale della Trasparenza conforme al D.Lgs. 33/2013 - "Amministrazione Trasparente"

Tipologie di procedimento

NUOVE INTITOLAZIONI E VARIAZIONI TOPONOMASTICHE

Responsabile di procedimento: Quinzani Luca
Responsabile di provvedimento: Quinzani Luca
Responsabile sostitutivo: Lo Parco Annalisa

Descrizione

Premessa

Ai sensi dell'articolo 10 dell'Ordinamento delle anagrafi della popolazione residente, approvato con Legge 24 dicembre 1954, n. 1228:

"Il Comune provvede alla indicazione dell'onomastica stradale e della numerazione civica.

La spesa della numerazione civica può essere posta a carico dei proprietari dei fabbricati, con la procedura prevista dal secondo comma dell'articolo 153 del testo unico della legge comunale e provinciale, approvato con regio decreto 4 febbraio 1915, n. 148.

I proprietari dei fabbricati provvedono alla indicazione della numerazione interna."

Il Regolamento anagrafico della popolazione residente, approvato con D.P.R. 30 maggio 1989, n. 223, all'articolo 41 prevede inoltre quanto segue:

"1. Ogni area di circolazione deve avere una propria distinta denominazione da indicarsi su targhe di materiale resistente.

2. Costituisce area di circolazione ogni spazio (piazza, piazzale, via, viale, vicolo, largo, calle e simili) del suolo pubblico o aperto al pubblico destinato alla viabilità.

3. L'attribuzione dei nomi deve essere effettuata secondo le norme di cui al regio decreto legge 10 maggio 1923, n. 1158, convertito dalla legge 17 aprile 1925, n. 473 e alla legge 23 giugno 1927, n. 1188, in quanto applicabili."

Disciplina intitolazioni e variazioni toponomastiche

La legge n. 23 giugno 1927, n. 1188 prevede che l'intitolazione di nuove strade e piazza pubbliche, la variazione del nome di quelle già esistenti, nonché l'approvazione di lapidi e monumenti commemorativi a persone decedute da oltre dieci anni, può avvenire soltanto previa autorizzazione del Prefetto.

Per le intitolazioni, invece, a persone decedute da meno di dieci anni che si siano distinte per particolari benemerenze, è consentita, a norma dell'articolo 4 della predetta legge, la deroga da parte del Ministero dell'Interno al divieto posto dagli articoli 2 e 3 della medesima legge.

Con circolare n. 18 del 29 settembre 1992, il Ministero dell'Interno ha fornito direttive alle Prefetture, titolari del citato potere di autorizzazione, circa il rilascio, a decorrere dal 1° gennaio 1993, delle autorizzazioni per intitolazioni di vie, piazze, monumenti e lapidi, scuole ed aule scolastiche o altri luoghi pubblici a persone che siano decedute da meno di dieci anni.

Nel caso in cui l'intitolazione attenga a scuole o aule scolastiche, l'istanza deve essere presentata alle competenti autorità scolastiche provinciali.

La deliberazione concernente le nuove intitolazioni e le variazioni di quelle esistenti, deve essere adottata dalla Giunta Comunale

Chiunque può formulare proposte in tale senso, senza tuttavia che ciò possa comportare per la Giunta l'obbligo di assumere la relativa deliberazione.  

 

 

 

 

Chi contattare

Personale da contattare: Quinzani Luca

Altre strutture che si occupano del procedimento

Termine di conclusione

Conclusione tramite silenzio assenso: no
Conclusione tramite dichiarazione dell'interessato: no
30 giorni

Costi per l'utenza

Non sono previsti costi per le intitolazioni e variazioni toponomastiche

Riferimenti normativi

Legge 24 dicembre 1954, n. 1228 "Ordinamento delle anagrafi della popolazione residente"

D.P.R. 30 maggio 1989, n. 223 "Regolamento anagrafico della popolazione residente"

R.D.L. 10 maggio 1923, n. 1158

Legge 23 giugno 1927, n. 1188

Servizio online

Tempi previsti per attivazione servizio online: NEGATIVO
Contenuto inserito il 03-04-2014 aggiornato al 07-09-2020
Facebook Twitter Google Plus Linkedin
- Inizio della pagina -
Recapiti e contatti
Piazza Marconi, 7 - 25085 Gavardo (BS)
PEC protocollo@pec.comune.gavardo.bs.it
Centralino 0365 377411
P. IVA 00574320982
Linee guida di design per i servizi web della PA
Il progetto Portale della trasparenza sviluppato da ISWEB S.p.A. www.isweb.it