Portale Trasparenza Comune di Gavardo - CITTADINANZA ITALIANA - RICONOSCIMENTO E CONCESSIONE

Il portale della Trasparenza conforme al D.Lgs. 33/2013 - "Amministrazione Trasparente"

Tipologie di procedimento

CITTADINANZA ITALIANA - RICONOSCIMENTO E CONCESSIONE

Responsabile di procedimento: Zambelli Serena
Responsabile di provvedimento: Mabellini Andreina
Responsabile sostitutivo: Lo Parco Annalisa

Uffici responsabili

UFFICIO SERVIZI DEMOGRAFICI

Descrizione

La cittadinanza italiana si base sul principio dello "ius sanguinis" ( diritto di sangue ), per il quale il figlio nato da padre italiano o da madre italiana è italiano.

Per avere un quadro della disciplina vigente si può accedere al sito del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione internazionale http://www.esteri.it/mae/it/italiani_nel_mondo/serviziconsolari/cittadinanza.html

Concessione cittadinanza italiana 

La cittadinanza italiana può essere concessa a cittadini stranieri per:

  • Matrimonio ( art. 5 legge 5 febbraio 1192, n. 91 )
  • Residenza ( art. 9 legge 5 febbraio 1992, n. 91)

Le domande vanno presentate alla Prefettura per informazioni accedere al seguente sito  http://www.prefettura.it/brescia/contenuti/44305.htm

Notifica dei decreti di concessione della cittadinanza italiana

Il Servizio Messi del Comune di Gavardo provvede alla notifica del decreto  di concessione della cittadinanza italiana che sarà consegnato  esclusivamente nelle mani del titolare

Competenze dell'Ufficiale di Stato Civile

Entro  6 ( sei ) mesi dalla notifica  del decreto di conferimento della cittadinanza italiana l'interessato deve prestare giuramento davanti all'Ufficiale di Stato Civile del Comune dove ha la residenza,  munito di:

  • documento di identità
  • originale del decreto di concessione della cittadinanza italiana
  • permesso di soggiorno 
  • dichiarazione relativa alla presenza di figli minori conviventi
  • certificati di nascita dei figli da cui risulti il rapporto di filiazione, tradotti e legalizzati
  • passaporti e permesso di soggiorno dei figli
  • marca da bollo da € 16,00

L'Ufficiale provvederà  a trascrivere il conferimento della cittadinanza italiana nei Registri di Stato Civile.

 

RICONOSCIMENTO DELLA CITTADINANZA ITALIANA AI DISCENDENTI DI CITTADINI ITALIANI (IURE SANGUINIS)

E' la procedura di riconoscimento della cittadinanza italiana che riguarda soggetti stranieri, discendenti di un cittadino italiano. La procedura è volta ad accertare se in capo al medesimo soggetto si possa rinvenire la doppia cittadinanza.

Per poter avviare il procedimento di riconoscimento della cittadinanza jure sanguinis è necessario essere  residenti nel Comune di Gavardo.

L'iscrizione anagrafica di persone entrate in Italia con passaporto straniero, deve seguire le modalità disciplinanti l'iscrizione nell'anagrafe della popolazione residente degli stranieri.

(Ai fini della dimostrazione della regolarità del soggiorno sarà sufficiente aver assolto all’obbligo di rendere la dichiarazione di presenza come previsto dall’art. 1, comma 2, della L. n. 68/2007 secondo le modalità stabilite nel D.M. 26 luglio 2007 e cioè:

1.    per coloro che provengono da Paesi che non applicano l’accordo Schengen, l’esibizione del timbro “Schengen” apposto sul documento di viaggio dall’Autorità di frontiera;
2.    per coloro che provengono da Paesi che applicano l’accordo di Schengen, l’esibizione di copia della dichiarazione di presenza resa al Questore entro 8 giorni dall’ingresso, ovvero della dichiarazione resa, ai sensi dell’art. 109 del r.d. 18 giugno 1931, n. 773, ai gestori di esercizi alberghieri e di altre strutture ricettive.

Naturalmente, tale particolare agevolazione rende lo straniero soggiornante solamente per i primi tre mesi di soggiorno in Italia; oltre tale termine, a meno che si sia già concluso il procedimento finalizzato al riconoscimento della cittadinanza italiana iure sanguinis, il cittadino straniero non può essere considerato regolarmente soggiornante e dunque dovrà chiedere il rilascio di un permesso di soggiorno per motivi di cittadinanza, esibendo un’attestazione rilasciata dall’Ufficiale dello Stato Civile che conferma che il soggetto interessato ha un procedimento di riconoscimento della cittadinanza italiana in corso.)

 

L’autorità competente ad effettuare il riconoscimento è determinata in base al luogo di residenza:

-per i residenti all’estero è l’Ufficio consolare territorialmente competente

-per i residenti in Italia, è il Sindaco del Comune dove l'interessato ha stabilito la residenza

Il sindaco nel Comune di Gavardo ha delegato tale competenza ai funzionari dell'Ufficio di Stato Civile.
 

Documenti e procedura prevista per il riconoscimento della cittadinanza italiana:

L’istanza, da presentare mediante compilazione del modulo sottostante, deve essere presentata in marca da bollo da 16,00 euro.

 

Requisiti
Ai fini del riconoscimento della cittadinanza italiana iure sanguinis è necessario che i discendenti dell'avo italiano, compreso il richiedente, non abbiano mai perso la cittadinanza italiana.

Il possesso della cittadinanza italiana va dimostrato tramite:

- estratto dell'atto di nascita dell'avo italiano emigrato all'estero rilasciato dal Comune italiano di nascita
- atti di nascita tradotti e legalizzati, di tutti i suoi discendenti in linea retta, compreso quello del richiedente
- atto di matrimonio dell'avo italiano emigrato all'estero, tradotto e legalizzato se formato all'estero;
- atti di matrimonio dei suoi discendenti, in linea retta, compreso quello dei genitori del richiedente
- certificato rilasciato dalle competenti autorità dello Stato estero di emigrazione, attestante che l'avo italiano non acquistò la cittadinanza dello stato estero di emigrazione anteriormente alla nascita dell'ascendente interessato.

La discendenza per via materna

La discendenza può avvenire anche per via materna, tuttavia la donna trasmette la cittadinanza italiana solo ai figli nati dopo il 1 gennaio 1948, data di entrata in vigore della Costituzione.
 

Note
Gli atti (originali) formati all'estero da autorità straniere, devono essere:

- legalizzati dall'autorità diplomatica italiana competente,

- tradotti in lingua italiana. La traduzione deve essere certificata conforme al testo straniero dall'autorità diplomatica italiana competente, oppure da un traduttore in Italia che con giuramento innanzi alla Cancelleria del Tribunale (asseverazione) abbia reso la propria traduzione ufficiale.

Procedura
L’Ufficiale di Anagrafe verifica l’idoneità dei documenti a corredo dell’istanza iure sanguinis  affinchè l’interessato possa essere legittimato a richiedere  l’iscrizione anagrafica, presupposto per poter formalizzare l’istanza di riconoscimento iure sanguinis.

Il regolamento comunale sul procedimento amministrativo prevede il termine di 730 giorni per i procedimenti di accertamento del possesso della cittadinanza italiana, inclusa l’ipotesi di trasmissione iure sanguinis (lo stesso termine è previsto dal D.P.C.M. n. 33 del 17.01.2014 per i medesimi procedimenti instaurati presso i Consolati italiani all'estero).

Si sottolinea che il presupposto per presentare le istanze di riconoscimento della cittadinanza iure sanguinis presso un comune italiano è l’iscrizione anagrafica (Circ. Min. Int. k.28.1 del 08.04.1991). La dimora abituale dovrà essere mantenuta almeno per tutto il periodo necessario alla conclusione del procedimento; pena l’attivazione delle procedure previste dal regolamento anagrafico, e quindi anche la cancellazione, compromettendo l’esito positivo della pratica di cittadinanza.

Nel caso in cui la dimora abituale abbia natura transitoria o sussistano difficoltà di vario genere (lavorative, di studio, familiari ecc…) a permanere in Italia per tutto il tempo necessario alla conclusione della pratica e quindi anche a rendersi disponibili in caso di necessità da parte degli uffici demografici, è percorribile l’alternativa della presentazione dell’istanza all'estero presso il Consolato italiano competente per territorio.

Chiusura del procedimento:

L’Ufficiale di Stato Civile chiuderà il procedimento attestando il possesso della cittadinanza italiana e predisporrà la trascrizione degli atti di stato civile riguardanti la persona alla quale è stata riconosciuta la cittadinanza italiana.

 

Figli minori

I figli minori per effetto del riconoscimento del possesso della cittadinanza italiana del genitore, acquisiscono dalla nascita la cittadinanza italiana senza necessità di procedimenti aggiuntivi. Il fatto che il figlio sia presente o meno sul territorio italiano, è irrilevante: una volta trascritto l'atto di nascita su richiesta del genitore, se residente si iscriverà in Anagrafe, se residente all'estero si predisporrà un'iscrizione Aire.

 

Chi contattare

Personale da contattare: Apollonio Claudia

Termine di conclusione

Conclusione tramite silenzio assenso: no
Conclusione tramite dichiarazione dell'interessato: no
6 mesi dalla notifica del decreto; 730 giorni per il riconoscimento cittadinanza jure sanguinis

Costi per l'utenza

Marca da bollo da € 16,00

Modulistica per il procedimento

Riferimenti normativi

Servizio online

Tempi previsti per attivazione servizio online: 1 anno

Allegati

E' possibile scaricare qui il testo "Diventare cittadini attivi secondo la Costituzione italiana" messo a disposizione dalla Prefettura di Brescia: 2019_Guida_Diventare_cittadini_italiani.pdf (26/06/2019 - 13709 kb - pdf) File con estensione pdf
Contenuto inserito il 03-04-2014 aggiornato al 17-07-2020
Facebook Twitter Google Plus Linkedin
- Inizio della pagina -
Recapiti e contatti
Piazza Marconi, 7 - 25085 Gavardo (BS)
PEC protocollo@pec.comune.gavardo.bs.it
Centralino 0365 377411
P. IVA 00574320982
Linee guida di design per i servizi web della PA
Il progetto Portale della trasparenza sviluppato da ISWEB S.p.A. www.isweb.it