Tipologie di procedimento

Indennizzo da mero ritardo e risarcimento del danno ingiusto

La presente “nota informativa” è redatta ai sensi dell’art. 28 del decreto legge 69/2013 (convertito con modificazioni dalla legge 98/2013) e dell’art. 2-bis della legge 241/1990 e smi.

Indennizzo da mero ritardo

In caso di inosservanza del termine di conclusione del procedimento ad istanza di parte, per il quale l’amministrazione abbia l’obbligo di pronunziarsi, “l’istante ha diritto di ottenere un indennizzo per il mero ritardo” (comma 1-bis, art. 2-bis, della legge 241/1990 e smi).

Gli elementi essenziali dell’indennizzo sono i seguenti:

  • si applica solo ai procedimenti concernenti l’avvio o la prosecuzione dell’impresa;
  • si applica laddove i procedimenti non siano conclusi entro i termini fissati dalla legge o da regolamenti, anche della stessa amministrazione procedente;
  • trova applicazione per i procedimenti che si avviano su domanda e per i quali sussiste l’obbligo di pronunciarsi;
  • sono esclusi i concorsi e le ipotesi di silenzio “qualificato” dell’amministrazione (silenzio assenso, silenzio rigetto);
  • a fronte dell’inerzia dell’amministrazione, l’interessato deve rivolgersi al “titolare del potere sostitutivo” entro venti giorni dalla scadenza del termine di conclusione del procedimento (art. 28, comma 2, DL 69/2013);
  • il titolare del potere sostitutivo di questa amministrazione è il Segretario Comunale, che dovrà provvedere entro un termine pari alla metà del termine iniziale;
  • nel caso di procedimenti “complessi”, che richiedono la partecipazione di più amministrazioni, “l’interessato presenta istanza all’amministrazione procedente, che la trasmette tempestivamente al titolare del potere sostitutivo dell’amministrazione responsabile del ritardo” (art. 28 comma 2 DL 69/2013);
  • se pure il titolare del potere sostitutivo dovesse perseverare, mantenendo una condotta inerte, l’istante potrà ricorrere al TAR;
  • il ricorso al Giudice amministrativo sarà trattato “con rito camerale” e deciso “con sentenza in forma semplificata”; il relativo contributo unificato è ridotto alla metà (art. 28, commi 4 e 5, DL 69/2013);
  • se il ricorso è “dichiarato inammissibile”, ovvero respinto in relazione alla “manifesta infondatezza dell’istanza che ha dato avvio al procedimento”, il Giudice condannerà il ricorrente a pagare all’amministrazione resistente “una somma da due a quattro volte il contributo unificato”;
  • la somma da pagare, a titolo di indennizzo, è forfettariamente stabilita in 30 euro per ogni giorno dei ritardo, con un massimo di 2.000 euro;
  • l’indennizzo giornaliero è calcolato dal giorno successivo alla scadenza del termine di conclusione del procedimento iniziale, fino al giorno di adozione dell’atto con cui l’ufficio dispone la liquidazione della somma.
     

Risarcimento per danno ingiusto

Le pubbliche amministrazioni e i soggetti privati “preposti all’esercizio di attività amministrative” sono tenuti al “risarcimento del danno ingiusto cagionato in conseguenza dell’inosservanza dolosa o colposa del termine di conclusione del procedimento” (art. 2-bis, comma 1, della legge 241/1990 e smi).

Tale ipotesi è riconducibile alla più ampia fattispecie di cui all’art. 2043 del Codice Civile, secondo il quale “Qualunque fatto doloso o colposo, che cagiona ad altri un danno ingiusto, obbliga colui che ha commesso il fatto a risarcire il danno”.

Il risarcimento del danno ingiusto è privo di automatismo giuridico. Il privato, per ottenere il risarcimento, deve necessariamente rivolgersi all’Autorità giudiziaria e dimostrare (art. 2697 del Codice Civile):

  1. il danno subito, quantificandolo in denaro;
  2. il comportamento doloso, o almeno colposo, dei funzionari pubblici;
  3. la sussistenza di un “nesso di causalità” tra la condotta della pubblica amministrazione ed il danno patito.
Contenuto inserito il 28-06-2021 aggiornato al 28-06-2021

Ricerca procedimenti

Open data Per questa informazione sono disponibili i dati in formato aperto. Scarica Open Data
Tipologie di provvedimento
ProcedimentoDescrizioneStruttura di riferimento
I residenti nel comune di Gavardo possono ottenere, presso gli uffici comunali, il rilascio del codice PIN per la propria Carta Regionale dei  Servizi CRS ....
Regione Lombardia, in applicazione dell’art. 3 del D.Lgs 112/1998, con L.R. 1/2000 ha stabilito, previa identificazione dei reticoli, di esercitare le competenze ....
Con  l’Accordo di Recesso ratificato dall’Unione Europea e dal Regno Unito il 24 gennaio 2020, le norme europee in materia di libera circolazione ....
Rilascio delle informazioni ai coinvolti negli incidenti stradali rilevati  
Il libretto internazionale di famiglia , istituito con la Convenzione di Parigi del 12 settembre 1974,  è un documento ufficiale plurilingue ....
La domanda di iscrizione al registro generale regionale delle organizzazioni di volontariato deve essere inoltrata al Presidente della Giunta Regionale e, contestualmente, ....
Il passaporto è un documento sia di viaggio che di riconoscimento rilasciato: * in Italia dalle Questure * all'estero dalla Rappresentanze  diplomatico ....
Le persone con capacità di deambulazione sensibilmente ridotta hanno diritto al rilascio di un contrassegno europeo che consente il parcheggio del veicolo ....
I cittadini stranieri extracomunitari iscritti nell'anagrafe della popolazione residente hanno l'obbligo di rinnovare  la dichiarazione di dimora ....
Nei casi previsti dalla legge, la notifica di un atto può essere effettuata mediante il deposito dello stesso presso la casa comunale. I ....
LA SUSSISTENZA DELLE CONDIZIONI DI SICUREZZA, IGIENE, SALUBRITA', RISPARMIO ENERGETICO DEGLI EDIFICI E DEGLI IMPIANTI NEGLI STESSI INSTALLATI, VALUTATE SECONDO QUANTO ....
SONO REALIZZABILI MEDIANTE SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA' GLI INTERVENTI PREVISTI DAGLI ART. 22 E 23 DEL DPR 380/2001
Chiunque intenda presentare segnalazioni di disservizi, reclami, suggerimenti o apprezzamenti in merito alla gestione del Comune, lo può fare utilizzando ....
Nuove modalità per la separazione dei coniugi, per la cessazione degli effetti civili/scioglimento del matrimonio ( divorzio ) e per la modifica delle condizioni ....
L’illuminazione votiva è un servizio erogato a domanda degli interessati per l’attivazione di un punto luce sulle lapidi dei propri defunti. La ....
Le operazioni di seguito descritte e riferite ad esumazioni ed estumulazioni ordinarie sono disposte dal Responsabile del Servizio cimiteriale, al fine della regolare ....
Il servizio cimiteriale si occupa della manutenzione dei cimiteri comunali e delle sepolture. Le sepolture all’interno dei cimiteri comunali riguardano inumazioni ....
Ogni fossa nei campi comuni di inumazione è contraddistinta, salvo diversa soluzione prescelta dai concessionari, da un cippo, fornito e messo in opera dal ....
Lo Sportello Unico per le Attività Produttive – S.U.A.P è l'unico soggetto pubblico di riferimento per i procedimenti amministrativi riguardanti ....
Informazioni generali sulla tassa rifiuti TARI, chi deve pagare, come si calcola ed aliquote, detrazioni previste, come effettuare il versamento ...   Se il ....
Open data Per questa informazione sono disponibili i dati in formato aperto. Scarica Open Data
Facebook Twitter Linkedin
Recapiti e contatti
Piazza Marconi, 7 - 25085 Gavardo (BS)
PEC protocollo@pec.comune.gavardo.bs.it
Centralino 0365 377411
P. IVA 00574320982
Linee guida di design per i servizi web della PA