Tipologie di procedimento

Indennizzo da mero ritardo e risarcimento del danno ingiusto

La presente “nota informativa” è redatta ai sensi dell’art. 28 del decreto legge 69/2013 (convertito con modificazioni dalla legge 98/2013) e dell’art. 2-bis della legge 241/1990 e smi.

Indennizzo da mero ritardo

In caso di inosservanza del termine di conclusione del procedimento ad istanza di parte, per il quale l’amministrazione abbia l’obbligo di pronunziarsi, “l’istante ha diritto di ottenere un indennizzo per il mero ritardo” (comma 1-bis, art. 2-bis, della legge 241/1990 e smi).

Gli elementi essenziali dell’indennizzo sono i seguenti:

  • si applica solo ai procedimenti concernenti l’avvio o la prosecuzione dell’impresa;
  • si applica laddove i procedimenti non siano conclusi entro i termini fissati dalla legge o da regolamenti, anche della stessa amministrazione procedente;
  • trova applicazione per i procedimenti che si avviano su domanda e per i quali sussiste l’obbligo di pronunciarsi;
  • sono esclusi i concorsi e le ipotesi di silenzio “qualificato” dell’amministrazione (silenzio assenso, silenzio rigetto);
  • a fronte dell’inerzia dell’amministrazione, l’interessato deve rivolgersi al “titolare del potere sostitutivo” entro venti giorni dalla scadenza del termine di conclusione del procedimento (art. 28, comma 2, DL 69/2013);
  • il titolare del potere sostitutivo di questa amministrazione è il Segretario Comunale, che dovrà provvedere entro un termine pari alla metà del termine iniziale;
  • nel caso di procedimenti “complessi”, che richiedono la partecipazione di più amministrazioni, “l’interessato presenta istanza all’amministrazione procedente, che la trasmette tempestivamente al titolare del potere sostitutivo dell’amministrazione responsabile del ritardo” (art. 28 comma 2 DL 69/2013);
  • se pure il titolare del potere sostitutivo dovesse perseverare, mantenendo una condotta inerte, l’istante potrà ricorrere al TAR;
  • il ricorso al Giudice amministrativo sarà trattato “con rito camerale” e deciso “con sentenza in forma semplificata”; il relativo contributo unificato è ridotto alla metà (art. 28, commi 4 e 5, DL 69/2013);
  • se il ricorso è “dichiarato inammissibile”, ovvero respinto in relazione alla “manifesta infondatezza dell’istanza che ha dato avvio al procedimento”, il Giudice condannerà il ricorrente a pagare all’amministrazione resistente “una somma da due a quattro volte il contributo unificato”;
  • la somma da pagare, a titolo di indennizzo, è forfettariamente stabilita in 30 euro per ogni giorno dei ritardo, con un massimo di 2.000 euro;
  • l’indennizzo giornaliero è calcolato dal giorno successivo alla scadenza del termine di conclusione del procedimento iniziale, fino al giorno di adozione dell’atto con cui l’ufficio dispone la liquidazione della somma.
     

Risarcimento per danno ingiusto

Le pubbliche amministrazioni e i soggetti privati “preposti all’esercizio di attività amministrative” sono tenuti al “risarcimento del danno ingiusto cagionato in conseguenza dell’inosservanza dolosa o colposa del termine di conclusione del procedimento” (art. 2-bis, comma 1, della legge 241/1990 e smi).

Tale ipotesi è riconducibile alla più ampia fattispecie di cui all’art. 2043 del Codice Civile, secondo il quale “Qualunque fatto doloso o colposo, che cagiona ad altri un danno ingiusto, obbliga colui che ha commesso il fatto a risarcire il danno”.

Il risarcimento del danno ingiusto è privo di automatismo giuridico. Il privato, per ottenere il risarcimento, deve necessariamente rivolgersi all’Autorità giudiziaria e dimostrare (art. 2697 del Codice Civile):

  1. il danno subito, quantificandolo in denaro;
  2. il comportamento doloso, o almeno colposo, dei funzionari pubblici;
  3. la sussistenza di un “nesso di causalità” tra la condotta della pubblica amministrazione ed il danno patito.
Contenuto inserito il 28-06-2021 aggiornato al 28-06-2021

Ricerca procedimenti

Open data Per questa informazione sono disponibili i dati in formato aperto. Scarica Open Data
Tipologie di provvedimento
ProcedimentoDescrizioneStruttura di riferimento
L'A.I.R.E. ( Anagrafe Italiani Residenti all'Estero ) contiene i dati dei cittadini italiani che risiedono all'estero per un periodo superiore ai dodici mesi. E' ....
rilascio di Accertamento di Compatibilità Paesaggistica ai sensi degli articoli 167 e 181 del D.LGS. 42/2004 Codice dei beni culturali e del paesaggio per ....
Principali norme di riferimento 1) Legge n. 241/1990 - Nuove norme in materia di procedimento amministrativo e di diritto di accesso ai documenti amministrativi 2) ....
La legge 23 dicembre 1998, n. 448 all' art. 31, commi 21 e 22, recita: “21. In sede di revisione catastale, è data facoltà agli enti locali, ....
L'adozione permette a un minore che non ha più legami con la sua famiglia di origine di essere accolto e di crescere all'interno di un nuovo contesto familiare. I ....
Dal 1°  ottobre 1995 l'aggiornamento del cambio di indirizzo sulla patente di guida viene effettuato tramite gli uffici dell'anagrafe; dal 1° marzo ....
Le annotazioni sono postille, ossia note che vanno a  integrare gli atti di stato civile precedentemente formati  ( nascita, matrimonio, morte, cittadinanza ....
Così come disposto con delibera della Giunta Comunale n. 189 del 30/12/2020 è possibile ottenere, previo pagamento, l'autorizzazione alla ....
Attestatazione  di iscrizione anagrafica per i cittadini dell'Unione Europea L'attestato di iscrizione anagrafica viene rilasciato, su richiesta, ai cittadini ....
Il codice fiscale viene attribuito ai neonati dal Comune che riceve la prima iscrizione nei registri d'anagrafe della popolazione residente . Il genitore dopo aver ....
Il proprietario di un immobile, a costruzione ultimata e prima che il fabbricato possa essere occupato, deve presentare al Comune la domanda per ottenere l'assegnazione ....
L'autentica di copia consiste n un'attestazione di conformità a un documento originale, di cui si è presa visione,  da parte di un pubblico ufficiale ....
L'autenticazione di firma è l'attestazione da parte del pubblico ufficiale incaricato dal Sindaco che  la sottoscrizione di atti è stata apposta ....
Per comprovate necessità contingenti è possibile ottenere un'autorizzazione per l'accesso in zone sottoposte a divieti. Per tale finalità ....
RILASCIO AUTORIZZAZIONE ALL'INSTALLAZIONE DI MEZZI PUBBLICITARI AI SENSI DEL REGOLAMENTO COMUNALE PER LE INSEGNE APPROVATO CON DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N. ....
Autorizzazione alla sepoltura L'autorizzazione alla sepoltura è richiesta all'Ufficiale dello Stato Civile del Comune dove è avvenuto il decesso. Può ....
Chi organizza una gara ciclistica o podistica è tenuto a richiedere l'autorizzazione al Comune se la gara si svolge solo sul territorio comunale o alla Provincia ....
RILASCIO DI AUTORIZZAZIONE PAESAGGISTICA AI SENSI DELL'ART. 146 DEL D.LGS 42/2004 CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAEASAGGIO
RILASCIO DI AUTORIZZAZIONE PAESAGGISTICA SEMPLIFICATA AI SENSI DELL'ART. 3 DEL DPR 31/2017 IN CUI SONO ELENCATI GLI INTERVENTI ED OPERE NON SOGGETTI AD AUTORIZZAZIONE ....
RILASCIO DI AUTORIZZAZIONE SISMICA PER L'INIZIO DEI LAVORI STRUTTURALI AI SENSI DELL'ART. 8 COMMA 1 DELLA L.R. N. 33/2015 DISPOSIZIONI IN MATERIA DI OPERE O DI COSTRUZIONI ....
Open data Per questa informazione sono disponibili i dati in formato aperto. Scarica Open Data
Facebook Twitter Linkedin
Recapiti e contatti
Piazza Marconi, 7 - 25085 Gavardo (BS)
PEC protocollo@pec.comune.gavardo.bs.it
Centralino 0365 377411
P. IVA 00574320982
Linee guida di design per i servizi web della PA